Apuani Rugby Massa vs Puma Bisenzio

Domenica 18 Gennaio Massa

Giornata di sole, il campo in terra battura di Remola è in perfette condizione.
Le pecore nere apuane si presentano in campo dopo la sosta di fine anno e accolgono il Bisenzio, fanalino di coda della classifica, con un a formazione piuttosto rimaneggiata, con diversi giocatori fuori ruolo e una panchina cortissima.
I Puma di Bisenzio si presentano con una formazione forte atleticamente, un pacchetto di mischia ben preparato e una difesa organizzata, quella che sulla carta poteva sembrare una partita senza grossi patemi d’animo si rivela invece una sfida difficile per gli apuani.
La prima frazione di gioco vede gli avanti apuani in costante difficoltà, mai si era visto quest’anno una squadra in grado di mettere cosi’ tanto sotto pressione la mischia apuana.
I primi quindici minuti vedono i rossi di Bisenzio attaccare costantemente e costringere la squadra di casa nella propria metà campo costretta a rinvii scomposti.
Solo dopo la metà del tempo finalmente gli apuani si presentano nei pressi dell’area di meta avversaria segnando i primi tre punti con Andrea “Pennello” Lorenzi che trasforma una punizione da posizione
centrale.
Il volto della partita cambia dopo il 30′ minuto, quando gli attacchi delle pecore nere cominciano a farsi piu’ incisivi e finalmente Marco “Gallo” Mazzi con una penetrazione efficace va a schiacciare l’ovale tra i pali, lasciando a Lorenzi una comoda trasformazione che porta il risultato sul 10 – 0, poco prima del riposo.

La seconda frazione di gioco ha tutto un’altro sapore, le pesanti prime linee del Bisenzio cominciano ad accusare la stanchezza e la mischia del Massa sale in cattedra.
I guerrieri apuani sono ben coadiuvati dal reparto d’attacco che con il passare dei minuti diventa sempre piu’ incisivo, e al 20′ Andrea Brayon trova lo spazio per andare a segnare la seconda meta della partita trasformata dal solito Lorenzi.
L’attacco massese continua a macinare buone giocate, anche se la squadra non riesce a finalizzare a causa dello scarso rendimento in touche. Pero’ è proprio il fondamentale meno efficace della giornata a regalare la terza meta, quando su una rimessa laterale sporcata dall’ascensore dei Puma “il Maestro” Alberto Pellegrini si lancia sull’ovale, penetra la linea avversaria e arriva in meta. 22-0
Il bisenzio non si da per vinto e muove il tabellino grazie ad una punizione trasformate per il momentaneo 22-3.
Manca poco alla fine e la quarta meta regalerebbe il punto bonus agli apuani, le energie dei ragazzi di Battola e Novani non finiscono mai, a dimostrazione della qualità del lavoro del preparatore atletico Alessandro Conserva, e quando l’arbitro fischia un fallo in mischia chiusa è Elia “Mostro” Schioppetto a ripartire lestamente e infilzare la difesa dei Puma schiacciando la quarta meta. Lorenzi trasforma e la partita si chiude sul 29 a 3.